Lo sguardo di chi desidera investire i propri risparmi somiglia a quello di chi pianta un albero.
Mettere un seme nella terra per guardarlo diventare altro, vederlo crescere e un domani raccoglierne i frutti, così come investire una somma di denaro e creare da questo un capitale nuovo, richiede la capacità di guardare le cose in prospettiva, e il coraggio di allungare lo sguardo al di là di un vantaggio immediato.
Investire infatti spesso ha a che fare col domani e con le persone che più ci stanno a cuore, il desiderio che ci spinge è quello di garantirci un futuro economicamente più sereno e maggiori possibilità per noi e per la nostra famiglia.
Quando si parla di investimenti però si parla anche di rischi. Per questo è importante avere chiare le caratteristiche dei principali strumenti finanziari prima di scegliere il genere di investimento più vicino alle nostre esigenze.

QUALI SONO GLI STRUMENTI CON I QUALI SI PUÒ INVESTIRE?

Azioni
Un’azione è una parte del capitale di una Società per Azioni. Investire in un’azione significa che il suo possesso porta a un profitto o a una perdita a seconda dell’andamento della Società, quando questa guadagna, una parte del profitto può essere suddiviso tra tutti gli azionisti e il valore delle azioni sale, quando questa perde cala il loro valore.
Le azioni hanno un loro mercato, si acquistano e si vendono. Se nel momento in cui rivendi un’azione sul mercato il valore dell’azione è superiore a quello con cui l’hai acquistata ne hai ovviamente un guadagno, se è più basso puoi avere una perdita anche pari a tutto il capitale investito inizialmente, per questo investire in azioni è considerato rischioso.

Obbligazioni
L’obbligazione è un titolo di debito di Società o enti, ovvero sono sostanzialmente dei prestiti che dopo un determinato periodo di tempo e vengono rimborsati. Teoricamente sono strumenti poco rischiosi, danno rendimenti contenuti, che in alcuni casi possono anche produrre perdite sul capitale investito.

Titoli di Stato
I titoli di Stato sono anch’essi titoli di debito emessi dagli Stati per finanziare il debito pubblico. Funzionano come le obbligazioni, ma sono garantiti dagli Stati e non da aziende. Per questa loro caratteristica sono considerati meno rischiosi rispetto alle obbligazioni, ma i rendimenti dipendono dalla solidità finanziaria e politica di uno Stato.

Fondi comuni d’investimento
Riuniscono i soldi di più risparmiatori che vengono investiti come un unico capitale da SGR (Società di Gestione del Risparmio), ovvero da professionisti del settore. Possono essere azionari, obbligazionari o bilanciati, a seconda della loro composizione di investimento. Non c’è la garanzia di un rendimento, né della salvaguardia del capitale investito.

Gestioni patrimoniali
Sono contenitori di denaro e di investitori che al loro interno sono composti da innumerevoli fondi di investimento e altri strumenti finanziari. Anche in questo caso vengono gestiti da SGR e si adattano al profilo di rischio e orizzonte temporale richiesto dal cliente, variando la loro composizione interna.

ETF (azionari, obbligazionari, misti)
Sono dei fondi di investimento con gestione passiva, ciò significa che il tasso di rendimento non deriva dall’abilità nella compravendita di chi gestisce il fondo, ma dall’andamento dell’indice borsistico.

Strumenti particolari (opzioni, CFD, forex)
Sono strumenti finanziari destinati ai professionisti del settore.

Hedge Fund
Detti anche fondi comuni di investimenti speculativi, sono fondi di investimento che investono in obbligazioni che promettono rendimenti più alti, per questo sono più rischiosi di un investimento in obbligazioni classiche, perché si avventurano su mercati con spiccata volatilità.

Gestioni separate assicurative garantite
E’ un fondo in cui i capitali vengono investiti tramite diversi strumenti finanziari dalle compagnie di assicurazioni.
E’ l’unico investimento che può considerarsi sicuro al 100% perché il denaro investito confluisce in un fondo separato rispetto a quello della compagnia assicurativa ed è quindi garantito con controllo e certificazione della Banca d’Italia. In questo particolare caso il fallimento dell’istituto assicurativo non penalizza il capitale investito, che rimane al sicuro in quanto sotto garanzia della Banca d’Italia.

 

 

Iscriviti e scarica l'e-book gratuito

Ti presentiamo i principali strumenti di investimento finanziario e le loro caratteristiche.
L’ ABC per chi vuole iniziare ad investire

Noi non facciamo Spam, La tua email è al sicuro con noi

 

Francesca di Prato Assicura

Lascia un Commento, oppure contattaci.

Your email address will not be published.