Ti è mai capitato di osservare un uccello che costruisce il suo nido? Lavora instancabilmente: utilizza il fango come collante e con la punta del becco intreccia insieme fili d’erba, strisce di carta, e piccoli rametti, mentre all’interno deposita muschio, fili di tessuto o foglie, per renderlo soffice e confortevole. Un lavoro intensissimo, che però permette al suo nido di essere resistente anche alle intemperie e di proteggere i suoi piccoli nel momento in cui sono più vulnerabili.

Costruire “il nido” anche per noi significa molto, gli sforzi che facciamo per mettere su la nostra casa non sono soltanto fisici, ma soprattutto economici: la casa spesso rappresenta il nostro investimento più importante, senza dubbio quello più significativo. “Costruire” una casa significa infatti creare un luogo su cui poter contare sempre, e dove accogliere e prendersi cura delle persone che lo abitano, mantenendole al sicuro anche nella tempesta.
Metter su casa è un atto d’amore potente. Per questo siamo disposti anche a pagare un mutuo di 20 anni pur di farla nostra.

Una volta che la nostra casa è arredata, ci siamo andati a vivere, l’abbiamo colorata delle nostre giornate e fatta somigliare a noi, potremmo pensare che il nostro lavoro su di essa sia finito. In realtà, però, per quanto possa rappresentare la fonte delle nostre certezze più incrollabili, la nostra casa è pur sempre un edificio, e come tale se non è adeguatamente protetto e mantenuto può subire danni che possono mettere al rischio non solo il suo valore, ma anche la nostra sicurezza.
Non vale forse la pena pensare a cosa può metterla in pericolo per non rischiare che un imprevisto possa toglierci qualcosa di così prezioso e importante per noi?

Cerchiamo di capire insieme quali sono i principali rischi che mettono in pericolo la sicurezza delle nostre case:

  • I terremoti

Come già sai, il nostro Paese è particolarmente soggetto a questo tipo di fenomeni, il territorio di Prato non fa eccezione, è infatti considerato a rischio sismico e per questo nella nostra città è obbligatorio costruire con criteri antisismici.

Ma è importante sapere che sono antisismici soltanto gli edifici costruiti dopo il 2008, come da legge del DM del 14 gennaio 2008 tutti gli altri possono diventarlo soltanto con un adeguamento strutturale della costruzione, cioè attraverso interventi di ristrutturazione complessi e onerosi.

E tutte le altre case?

Tolte le strutture costruite in bioedilizia – e in particolare in legno e materiali suoi derivati – tutte le altre costruzioni si possono considerare a rischio di crollo, che siano case in muratura o in cemento armato.

Queste ultime infatti danno la percezione di essere più resistenti, ma in occasione del disastroso terremoto dell’Aquila hanno mostrato una fragilità inaspettata, soprattutto a causa dell’utilizzo di materiale scadente in fase di realizzazione o per la mancanza di manutenzione alle strutture.

Sul nostro territorio non possiamo evitare che ci siano scosse di terremoto più o meno intense, e i danni agli edifici sono purtroppo una naturale conseguenza da mettere ragionevolmente in conto.

Tu cosa fai per proteggere la tua casa dai rischi di un terremoto?

Ti interesserebbe scoprire come creare una risorsa economica che possa prendersi carico dei danni che può subire la tua abitazione a causa di una scossa?

Contattaci e scopri di più

 

  • Allagamenti e alluvioni

In caso di allagamento in casa, quando ad esempio si rompe un tubo o c’è un guasto alla lavatrice, si possono scongiurare danni sostanziosi soltanto con un intervento tempestivo, eliminando il più presto possibile l’acqua che si è accumulata.

Ci sono dispositivi utili, come i sensori d’acqua, che possono assicurarci la possibilità di intervenire velocemente, anche quando non ci troviamo in casa, non appena viene rilevato un accumulo di acqua sul pavimento.

Contattaci e scopri di più sui sensori d'acqua

 

Ma, come puoi immaginare, in caso di allagamenti dovuti a esondazioni e alluvioni, l’acqua rimane negli edifici per diverso tempo, provocando danni permanenti a mura, pavimenti, mobili, e impianto elettrico.
I costi che questi danni possono provocare sono enormi.

Purtroppo anche in questo caso dobbiamo tenere presente che il nostro territorio è soggetto a questo tipo di eventi, pensiamo all’alluvione del 1966 o a quella di Poggio a Caiano nel 1992, senza contare i continui allagamenti che i corsi d’acqua causano alle nostre strade.
Per questo, soprattutto se abitiamo nelle aree che costeggiano l’Ombrone, non sempre è possibile evitare che fenomeni come questi avvengano, o che facciano danni anche ingenti ai luoghi che ci sono più cari.

Una soluzione però può essere quella di garantirti un appoggio economico che possa sostenerti nell’affrontare le conseguenze di questi eventi.

vuoi valutarla insieme a noi? interessato a proteggere la tua casa da questa eventualità?

Contattaci e chiedi più informazioni

 

  • Furti

Nel 2018 soltanto nel comune di Prato si sono registrate ben 971 denunce per furti in abitazione. E’ il reato di furto più denunciato in città.

Il furto può:

-causare danni all’edificio, pensa alle porte scassinate da riparare o alle finestre rotte;

-mettere in pericolo la sicurezza delle persone che si trovano in casa al momento del furto;

-provocare danni di tipo economico, privandoci di oggetti di valore o di denaro.

Le soluzioni per difenderti sono svariate. Dalle strutture di protezione a porte e finestre, a sistemi più avanzati di antifurto, come sensori volumetrici e perimetrali e telecamere a infrarossi.

Tu come proteggi la tua casa dai furti?

Puoi farlo acquistando questi strumenti e facendoli installare nella tua abitazione. Tieni presente che l’acquisto del solo sistema di allarme è una spesa che può arrivare anche fino a diverse migliaia di euro e necessita per la sua installazione di una serie di interventi che interessano la tua casa in modo permanente, dai buchi nei muri ai lavori che permettono il passaggio dei fili.

Sapevi che esiste la possibilità di avere questi strumenti in comodato d’uso? Questa soluzione ti permette di utilizzare i dispositivi senza vincoli, come e per quanto tempo desideri, con un sistema che utilizzando una centralina wireless, non necessita di alcun lavoro di installazione.

Contattaci e scopri di più

 

  • Incendio

Gli incendi domestici sono pericolosi non soltanto per i danni che possono fare alla nostra casa e a tutto quello che contiene, ma anche per la pericolosità del fumo che, accumulandosi velocemente negli ambienti chiusi, mette a rischio la nostra salute e toglie la visibilità necessaria per intervenire.
Le principali cause di incendio nelle nostre case sono:

-apparecchi di cottura o di riscaldamento non sorvegliati o malfunzionanti: dalle pentole sul fuoco alle candele non sorvegliate;

-il cortocircuito: un guasto dell’impianto elettrico che può provocare danni agli apparecchi elettronici e, generando un repentino innalzamento della temperatura, può scatenare incendi;

-sigarette dimenticate accese.

Anche in questo caso i danni all’abitazione possono essere davvero ingenti, e diventa fondamentale agire con prontezza. Ma che succede se non ti trovi in casa in quel momento?

In questo caso può essere determinante avere un sensore di fumo, ovvero un dispositivo che è in grado di rilevare la presenza di fumo in casa e avvertire il proprietario in modo da poter agire in modo tempestivo.

Hai già un sensore di fumo installato nella tua casa?

Contattaci e scopri come averlo

 

Iscriviti e scarica l'e-book gratuito

Tre modi a cui forse non avevi pensato per proteggere la serenità economica della tua famiglia 

privacy La tua privacy è al sicuro con noi

Francesca di Prato Assicura

Lascia un Commento, oppure contattaci.

Your email address will not be published.